PAOLO RUMIZ e EUROPEAN SPIRIT YOUTH ORCHESTRA – Attraverso Festival
503
event-template-default,single,single-event,postid-503,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

PAOLO RUMIZ e EUROPEAN SPIRIT YOUTH ORCHESTRA

Torna indietro

sabato 29 luglio 2017 / 18:00

PAOLO RUMIZ e EUROPEAN SPIRIT YOUTH ORCHESTRA

90 musicisti diretti da Igor Coretti Kuret

PARCO NATURALE CAPANNE DI MARCAROLO, Ecomuseo di Cascina Moglioni, Bosio, (AL)

Prima Nazionale Prequel di Attraverso Festival organizzato con la collaborazione di Aree Protette Appennino Piemontese

Ingresso Libero

Questa seconda edizione di Attraverso Festival si inaugura con un’anteprima nazionale – evento prequel del Festival realizzato in collaborazione con la Regione Piemonte e l’Ente di gestione del Parco Aree Protette Appennino Piemontese – nella suggestiva cornice dell’area naturalistica Parco Naturale Capanne di Marcarolo, in provincia di Alessandria.

La sera di Sabato 29 luglio alle ore 18.00, l’Esyo – European Spirit of Youth Orchestra – ensemble sinfonico formato da novanta giovani provenienti da diciassette diversi Paesi tra Europa e Medio Oriente – guidata dal Maestro Igor Coretti Kuret, eseguendo musiche di Beethoven, Holst, Bizet, Zimmer e Respighi, accompagnerà Paolo Rumiz nella sua narrazione solista dedicata quest’anno alle prime grandi Vie d’Europa, l’Appia e le altre.

“Nel 2017 narreremo le vie del Continente a partire dalla più antica di tutte, l’Appia, da poco riconsegnata agli italiani. L’Europa, dunque, in parole e in musica, nel suo labirinto di strade, autostrade, ponti, sentieri, tracce sulla pietra e sulla neve. La celebrazione di un’epopea che nei millenni ha consumato milioni di scarpe nel sole dell’estate e nel gelo dell’inverno. Un evento sinfonico dedicato a uomini e donne che migrano per lavoro, disperazione, curiosità, amore o pure inquietudine. L’evocazione corale di esistenze che cercano spazio oltrepassando valichi, confini, pianure, fiumi, reticolati e terre desolate. In un tempo di viaggi virtuali, un invito al viaggio reale, per ritrovare un’Europa mai cosi male amata come di questi tempi”.

Il luogo deputato a ospitare l’evento anteprima di Attraverso Festival non è un caso, infatti nell’antichità dal parco transitava la “Via Cabanera” un’alternativa di passaggio per commercianti del sale, pellegrini e guerrieri.  Un segno di questo passaggio rimane nel monastero della Benedicta, tra l’altro noto per essere stato teatro di un eccidio di partigiani e ora sacrario dedicato ai valori della resistenza partigiana e della pace.

PAOLO RUMIZ
Paolo Rumiz è scrittore e giornalista triestino, inviato speciale del “Piccolo” di Trieste ed editorialista de “La Repubblica”. Esperto del tema delle Heimat e delle identità in Italia e in Europa, dal 1986 segue gli eventi dell’area balcanico-danubiana. Nel 2001 invece segue, prima da Islamabad e poi da Kabul, l’attacco statunitense all’Afghanistan. Vince il Premio Hemingway nel 1993 per i suoi servizi dalla Bosnia e il Premio Max David nel 1994 come migliore inviato italiano dell’anno.

ESYO, European Spirit of Youth Orchestra
Da vent’anni il Maestro Igor Coretti-Kuret seleziona giovani talenti musicali (dagli undici ai vent’anni) in Europa e ogni anno costruisce un’orchestra per offrir loro la prima esperienza sinfonica. Centinaia di questi ragazzi sono poi entrati in compagini orchestrali di ogni parte del mondo. Da due anni Paolo Rumiz, con le sue storie, è entrato a far parte di ESYO come voce narrante del gruppo, nell’ambito di un programma denominato “Tamburi di pace”. Nel 2015 il tema è stato la Grande Guerra, nel 2016 il Continente visto dai treni. Nel 2017 si parlerà di “cammini”, in opposizione al moltiplicarsi dei muri; e per rendere ancora più forte il messaggio sono stati selezionati, accanto ai ragazzi europei, alcuni giovani provenienti dalle aree “calde” del Medio Oriente.

 

Per tutti gli appassionati camminatori alle ore 11.30 trekking nel suggestivo paesaggio del torrente Gorzente all’interno del Parco Naturale Capanne di Marcarolo. Partenza dalla Benedicta, arrivo ore 17.00. Da non dimenticare costume e telo per darsi una rinfrescata nel torrente. Costo escursione 10 euro comprensivo di barrette energetiche per la giornata. A cura dell’Associazione sportiva di Ovada Sentieri di Confine. Per prenotazioni +39 3442847018.

Inoltre, in collaborazione con Il Circolo dei Lettori di Torino, una navetta conduce gli spettatori da Torino al Parco Capanne di Marcarolo, per info e prenotazioni tel. 011 4326827, info@circololettori.it.


Per Raggiungere:

In Auto
  • A7 (Milano-Genova) uscita Serravalle Scrivia (AL); proseguire in direzione Gavi, Bosio, Mornese. Tra Bosio e Mornese deviazione per Capanne di Marcarolo (S.P.165) proseguire in direzione Gavi, Voltaggio. A Voltaggio deviazione per Capanne di Marcarolo (S.P.166)
  • A7 (Milano-Genova) uscita Genova Bolzaneto; proseguire in direzione Campomorone(GE). Da Campomorone deviazione per Piani di Praglia (S.P.4)
  • A26 (Gravellona–Genova) uscita Masone (GE); proseguire per Campo Ligure (GE); a Campo Ligure deviazione per Capanne di Marcarolo (S.P.69)
Parcheggiare l’auto nei parcheggi del Parco, da qui è possibile proseguire a piedi oppure prendere la navetta messa a disposizione da Attraverso Festival.
In Pullman
Per i pullman privati l’unico accesso consentito è da Bosio con la S.P. 165 Località Capanne di Marcarolo non è servita da mezzi di trasporto pubblici.

In Collaborazione con:

 
Comune di Bosio
Comune di Bosio
 

 
Aree Protette Appennino Piemontese
Cascina Moglioni