MICHELE SERRA – Attraverso Festival
1047
event-template-default,single,single-event,postid-1047,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

MICHELE SERRA

Torna indietro

venerdì 06 settembre 2019 / 20:30

MICHELE SERRA

in L’amaca di domani. Considerazioni in pubblico alla presenza di una mucca

Monforte d’Alba, Auditorium Horszowski, (CN)

A partire dalle 19 degustazione enogastronomica - e possibilità di cenare - a cura della Pro Loco

20 €
ANNULLATO

ANNULLATO PER METEO.

di Michele Serra

regia di Andrea Renzi

scene e costumi di Barbara Bessi

luci di Cesare Accetta

SPA Società per autori in collaborazione con Teatri Uniti

Anche Michele Serra, giornalista e scrittore strepitoso dall’ironia pungente, ma sempre colta e mai prepotente, ha ceduto infine alle lusinghe del teatro ed eccolo quindi protagonista in palcoscenico di uno spettacolo tutto suo per la regia di Andrea Renzi, celebre attore e regista della scuola napoletana dei Teatri Uniti. Lo spettacolo arriva ad Attraverso, prima di affrontare la tournée invernale 2019/20.

Scrivere ogni giorno, per ventisette anni, la propria opinione sul giornale, è una forma di potere o una condanna? Un esercizio di stile o uno sfoggio maniacale, degno di un caso umano? Bisogna invidiare le bestie, che per esistere non sono condannate a parlare?

Le parole, con le loro seduzioni e le loro trappole, sono le protagoniste di questo monologo teatrale comico e sentimentale, impudico e coinvolgente nel quale Michele Serra apre allo spettatore la sua bottega di scrittura.

Le persone e le cose trattate nel corso degli anni – la politica, la società, le star vere e quelle fasulle, la gente comune, il costume, la cultura – riemergono dal grande sacco delle parole scritte con intatta vitalità e qualche sorpresa.

Dipanando la matassa della propria scrittura, Michele Serra fornisce anche traccia delle proprie debolezze e delle proprie manie. Il vero bandolo, come per ogni cosa, forse è nell’infanzia. Il finale, per fortuna, è ancora da scrivere.

Giornalista, scrittore e autore televisivo, cura per i quotidiani la Repubblica e L’Espresso le rubriche satiriche L’amaca, che ironizza sui vizi e i costumi della politica e della società italiana, e Satira preventiva. È autore di programmi televisivi molto seguiti, da C’era un ragazzo, condotto da Gianni Morandi (1999) a 125 milioni di caz…te, condotto da Adriano Celentano (2001), e Quello che (non) ho, condotto nel 2012 da Fabio Fazio e Roberto Saviano. Dal 2003 è coautore del programma di Raitre Che tempo che fa. Tra i suoi romanzi di maggior successo: Canzoni politiche (Feltrinelli, 2000), Gli sdraiati (Feltrinelli, 2013), Ognuno potrebbe (Feltrinelli, 2015) e La sinistra e altre parole strane (Feltrinelli, 2017).

20 € - ANNULLATO