MASSIMO COTTO e NICO CARMINATI – Attraverso Festival
1081
event-template-default,single,single-event,postid-1081,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

MASSIMO COTTO e NICO CARMINATI

Torna indietro

domenica 08 settembre 2019 / 21:00

MASSIMO COTTO e NICO CARMINATI

in Col tempo, sai / Avec le temps La canzone tra Genova e Parigi

Dedicato a Gianmaria Testa

Parodi Ligure, Ex Abbazia di San Remigio, (AL)

In collaborazione con Distretto Culturale Ambientale dell’Oltregiogo

Degustazioni a cura della Pro Loco di Parodi Ligure

10 €
Acquista

Col tempo, sai / Avec le temps è lo spettacolo che rilegge, tra musiche e parole, le pagine più belle della chanson e della scuola genovese, attraverso i racconti di Massimo Cotto, giornalista musicale capace di raccontare come nessun altro e ora star di Virgin Radio, le interpretazioni di Nico Carminati, e il pensiero, la musica e la sensibilità di Gianmaria Testa.

In poco meno di due ore scorrono le immagini in bianco e nero della rive gauche esistenzialista di Saint Germain-des-Pres e del leggendario Tabou, di Juliette Greco che si abbronzava alla luna e di Edit Piaf che cantava come “centodiecimila uccelli dall’ugola insanguinata”, come disse una volta un altro grande di Francia, Leo Ferrè, il maledetto che abitava altre latitudini; del grande Brassens e dell’immenso Brel, belga innamorato di Parigi che andò a morire alle isole Marchesi, dove “per assenza di vento, il tempo s’immobilizza, e si parla della morte come tu parli di un frutto”; di quel Gainsbourg “morto per aver bevuto troppe sigarette”, come scrisse Libération, e di quel Boris Vian che fondeva jazz e letteratura e immortalava la figura del disertore nella canzone di Francia. E poi, le canzoni che indossavano dolcevita neri e occhiali dalla montatura spessa, quelle scritte da Umberto, Luigi e Ginaccio, attorniati da quattro amici al bar e immersi in un mondo da cambiare. E poi, Faber e tutti gli altri, che hanno cantato Genova per noi che stiamo in fondo alla campagna, e la Parigi che non smette di brillare anche quando si addormenta.

Uno spettacolo per (ri)scoprire chi erano questi grandi artisti e ricordarci chi siamo.

10 € - Acquista