MARCO PAOLINI – Attraverso Festival
560
event-template-default,single,single-event,postid-560,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

MARCO PAOLINI

Torna indietro

venerdì 01 settembre 2017 / 18:30

MARCO PAOLINI

in Maratona Numero Primo" Progetto speciale per Attraverso Festival - produzione Jolefilm

Monforte d’Alba, Auditorium Horszowski, (CN)

Numero Primo è un esperimento di fantascienza narrata a teatro, ma che agli autori non piace chiamare così. Al narratore sulla scena tocca il compito di rendere credibili cose possibili domani, ma che oggi appaiono inverosimili. L’orizzonte temporale immaginato riguarda i prossimi 5000 giorni e solo pensando a quanto il mondo delle cose sia cambiato nei 5000 giorni appena trascorsi risulta quantomeno necessario guardare al futuro con il beneficio del dubbio rispetto a ciò che oggi è ancora inverosimile.

25 €
Acquista

ore 18:30_Studio per un nuovo Album. Numero Primo (testi di Gianfranco Bettin e Marco Paolini)

ore 21:30 _ Intorno a Numero Primo. Istruzioni per l’uso

Lo stesso giorno presso la Fondazione Bottari Lattes – WALL OF SOUND 10 – la grande musica nei ritratti di GUIDO HARARI – dalle 15.30 visite guidate accompagnate da Guido Harari.
I visitatori potranno degustare in anteprima esclusiva il Barolo 2013 Arnaldorivera (arnaldorivera.com), in un viaggio attraverso i più prestigiosi vigneti delle Langhe. Le degustazioni saranno in corrispondenza della fine delle visite con orari 16,30, 17,30 , 19.00 , 21.00 , 22,45

Lo scorso anno, nel piccolo anfiteatro naturale del nucleo storico di Monforte, intitolato al famoso pianista che vi ha tenuto il concerto d’inaugurazione nell’estate del 1986, Marco Paolini ha messo in scena Numero Primo. Studio per un nuovo album e quest’anno torna a presentare il progetto speciale per Attraverso Festival, una vera e propria Maratona Numero Primo.

Diviso in due tempi, Studio per un nuovo Album. Numero Primo (ore 18.30, testi di Gianfranco Bettin e Marco Paolini) e Intorno a Numero Primo. Istruzioni per l’uso (ore 21.30), Maratona Numero Primo, è pensato in modo che gli spettatori entrino nella “fabbrica” del teatro e decidano, in modo indiretto, le sorti della forma finale. Attraverso le vicende del suo protagonista Numero Primo, Paolini racconta di un prossimo futuro probabile, confinante dunque con la fantascienza, fatto di cose, di bestie e di umani «rimescolati insieme come si fa con le carte prima di giocare».

Numero Primo è un esperimento di fantascienza narrata a teatro, ma che agli autori non piace chiamare così. Al narratore sulla scena tocca il compito di rendere credibili cose possibili domani, ma che oggi appaiono inverosimili. L’orizzonte temporale immaginato riguarda i prossimi 5000 giorni e solo pensando a quanto il mondo delle cose sia cambiato nei 5000 giorni appena trascorsi risulta quantomeno necessario guardare al futuro con il beneficio del dubbio rispetto a ciò che oggi è ancora inverosimile.

Il mondo di Numero Primo non è oggi, ma è un domani molto prossimo, una favola che apre scenari sui mutamenti anche antropologici che segnano l’inizio di una rivoluzione tecnologica che cambierà, e in parte sta già cambiando, le nostre vite. È una storia di fantasia, ma non è pura invenzione, gli studi sull’intelligenza artificiale e quelli sulle neuroscienze forniscono gli spunti alla storia.

Proprio a partire da alcuni riferimenti alla ricerca scientifica nella seconda parte della serata Paolini aprirà un’altra narrazione, che allargando l’orizzonte ci aiuterà a capire un pochino di più del mondo di Numero Primo, della sua personale ricerca e studio che lo ha accompagnato nella creazione di questa storia fantastica. Una narrazione- conversante, o conversazione, che si alimenterà anche della curiosità del pubblico che vorrà saperne di più.

Tra la prima e la seconda parte dello spettacolo, per poi goderlo al meglio, sarà possibile fare un aperitivo, merenda sinoira, con i prodotti tipici del territorio, a cura della Pro Loco di Monforte d’Alba.

Lo stesso giorno, presso la Fondazione Bottari Lattes (Via Marconi, 16 – Monforte), sarà possibile visitare gratuitamente la mostra fotografica Wall of Sound 10 – la grande musica nei ritratti di Guido Harari.
Per l’occasione, dalle ore 15.30 il fotografo Guido Harari conduce personalmente i visitatori nel percorso di visita della mostra.

Inoltre, in collaborazione con Il Circolo dei Lettori di Torino, una navetta conduce gli spettatori da Torino a Monforte d’Alba, per info e prenotazioni tel. 011 4326827, info@circololettori.it.


In Collaborazione con:

 
Monforte
Monforte
 

 
Monforte Tourist Office
Pro Loco Monforte
 
25 € - Acquista