FRANCO CARDINI – Attraverso Festival
1103
event-template-default,single,single-event,postid-1103,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

FRANCO CARDINI

Torna indietro

sabato 07 settembre 2019 / 18:00

FRANCO CARDINI

ne “In Terrasanta. Invasioni, migrazioni e pellegrinaggi” intervistato da Gabriele Ferraris

Casaleggio Boiro, Castello, (AL)

Dopo l’incontro aperitivo offerto dalla cittadinanza di Casaleggio Boiro

Ingresso Libero

Fra le estreme propaggini sudorientali del Piemonte, quasi in prossimità della Liguria, isolato su di un poggio, sorge il castello di Casaleggio Boiro, edificio tra i più antichi del Monferrato, luogo in cui si è avvicendata la storia ma anche scenario di una mitica versione televisiva de “I Promessi sposi” diretta da Sandro Bolchi e con attori di fama tra cui Tino Carraro, Marisa Merlini, Lilla Brignone, Paola Pitagora, Nino Castelnuovo. Nello sceneggiato il castello rappresentava il nido d’aquila dell’Innominato, dove era stata rinchiusa Lucia, e ancora adesso, nonostante sia di origine ben più remota, porta popolarmente il suo nome.

Dopo l’incontro dello scorso anno con Alessandro Barbero, proseguono le lectio magistralis con un altro storico, studioso di storia medievale di fama internazionale, Franco Cardini.

Professore di Storia Medievale nell’Università di Firenze, Professore Emerito di Storia Medievale nell’Istituto Italiano di Scienze Umane/Scuola Normale Superiore, Directeur de Recherches nell’École des hautes études en Sciences Sociales di Parigi e Fellow della Harvard University ed ha insegnato anche nelle università di Middlebury e di Barcellona.

Da oltre un trentennio si occupa di crociate, di pellegrinaggi, di rapporti tra la cristianità e l’Islam, ed ha lavorato e viaggiato a lungo in Terra Santa ed è proprio questo il tema dell’incontro di Sabato 7 Settembre. A presentarlo e ad interloquire con lui abbiamo chiamato il giornalista de Il Corriere Gabriele Ferraris.

Giornalista, saggista, romanziere, ha scritto per numerosi giornali. Collabora con il quotidiano Avvenire. Tra i suoi volumi, ricordiamo: Le crociate tra il mito e la storia (Nova Civitas, 1971); Alle radici della cavalleria medievale (La Nuova Italia, 1981); Il Barbarossa (Mondadori, 1985); Quell’antica festa crudele (Il Saggiatore, 1987); Francesco d’Assisi (Mondadori, 1989); Europa 1492 (Rizzoli, 1989); La Vera Storia della Lega Lombarda (Mondadori, 1991); Noi e l’Islam: un incontro possibile? (Laterza, 1994); Il giardino d’inverno (Camunia, 1996); L’avventura di un povero crociato (Mondadori, 1997); Giovanna d’Arco (Mondadori, 1999); Europa e Islam. Storia di un malinteso (Laterza, 1999); Castel del Monte (Il Mulino, 2000); In Terrasanta (Il Mulino, 2002); L’invenzione dell’Occidente (Il Cerchio, 2002); Il turco a Vienna (Laterza, 2011); Gerusalemme (Il Mulino, 2012); Istanbul. Seduttrice, conquistatrice, sovrana (Il Mulino 2014). Nel 2010 ha partecipato con i suoi saggi al progetto enciclopedico XXI secolo, diretto dallo storico della filosofia Tullio Gregory e pubblicato dalla Treccani.