BAUSTELLE – Attraverso Festival
533
event-template-default,single,single-event,postid-533,single-event-container,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

BAUSTELLE

Torna indietro

venerdì 08 settembre 2017 / 21:00

BAUSTELLE

L’Estate, l’amore e la violenza tour

Parco della Zizzola, Bra, (CN)

Durante l’evento MacBra, formaggi, vino, birra e altre prelibatezze del territorio

20 €
Acquista

Dopo aver registrato il tutto esaurito nel tour teatrale invernale, i Baustelle – Francesco Bianconi (voce, chitarre, tastiere), Claudio Brasini (chitarre) e Rachele Bastreghi (voce, tastiere, percussioni) – affiancati da Ettore Bianconi (elettronica e tastiere), Sebastiano De Gennaro (percussioni), Alessandro Maiorino (basso), Diego Palazzo (tastiere) e Andrea Faccioli (chitarre), arrivano a Bra la sera di Venerdì 8 Settembre al Parco della Zizzola di Bra per presentare dal vivo ‘L’amore e la violenza’, settimo album di inediti della band pubblicato per Warner Music Italia lo scorso gennaio,  composto da 12 tracce, e prodotto artisticamente da Francesco Bianconi e mixato da Pino ‘Pinaxa’ Pischetola.

I Baustelle non sono un gruppo comune. Citazioni non fini a se stesse nei testi fanno da stratificazione a una struttura musicale solidissima e a un originale intrecciarsi di voci tra Francesco Bianconi e Rachele Bastreghi. Due voci molto particolari, calda quella di Bianconi, dal timbro inconfondibile, a tratti ieratico, fredda quella di Rachele, e al tempo stesso incredibilmente sensuale. I Baustelle sanno come mescolare sacro e profano, Pasolini e le canzonette, l’alto con il basso, il punk e il pop in un ‘helter skelter’, un ‘saliscendi’ tra i Beatles e Charlie (Manson), tra l’orrore che appare nelle pieghe della quotidianità, le guerre vere che ci circondano e quelle interiori che possono essere non meno pericolose.

“L’amore e la violenza” è un disco che racconta la contemporaneità attraverso una pluralità di momenti, superando sentimentalismo e disillusione. Suoni, atmosfere, ricordi, suggestioni sono stati selezionati con cura, prelevati dalla memoria collettiva degli anni ’70 e in parte ’80, rimescolati nelle musiche e nei testi. Non per “suonare vintage”, ma per creare una sorta di meta-pop che ridà senso e sostanza alla canzone.


In Collaborazione con:

 
Città di Bra
Città di Bra
 

 
 
20 € - Acquista