Steve Della Casa e Efisio Mulas – Attraverso Festival
173
page-template-default,page,page-id-173,page-child,parent-pageid-61,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Steve Della Casa e Efisio Mulas

di Hollywood Party

Quando:

26 agosto 2016, ore 21

Dove:

PARODI LIGURE, Abbazia di San Remigio

Conferenza spettacolo

Dalle ore 19.30 degustazione a cura della Pro Loco di Parodi Ligure

Alle ore 17 passeggiata nei boschi alla scoperta di erbe di campo utilizzate nella cucina tradizionale, a cura della chef Anna Rivera della Condotta Slow Food

Una conferenza-spettacolo con i conduttori di Hollywood Party la trasmissione, in onda tutti i giorni su Radio Rai Tre, che trasmette il cinema alla radio con anticipazioni, interviste, ospiti, notizie dai set, dirette da festival nazionali e internazionali ma anche memoria e storia della cinematografia italiana e straniera.
Per l’occasione Steve Della Casa ed Efisio Mulas, raccontano quel sottogenere cinematografico che negli anni ’60 ha connotato la commedia italiana, i “musicarelli”, ovvero quei film che avevano come  protagonista un giovane cantante emergente (o più d’uno, se appartenenti alla stessa casa discografica: I ragazzi del Bandiera Gialla, 1967; Stasera mi butto, 1967); che presentavano una serie di brani estratti dal suo lavoro discografico più recente o, addirittura, d’esordio, sulla sceneggiatura semplice di una storia d’amore complicata da ingenui fraintendimenti e da famiglie talvolta ostili.
I musicarelli rappresentano lo specchio di un Paese in pieno sviluppo economico, in cui i giovani usano la musica per scardinare schemi sociali fino ad allora inviolati, sull’onda del divertimento. L’affrancamento dei ragazzi da costrizioni ambientali ritenute ormai obsolete e incarnate dai cosiddetti “matusa” (genitori, insegnanti, funzionari: tutti coloro che, superata l’adolescenza, rivestono il ruolo di moderatori e di severi pater familias) non si risolve con folle contestatrici, ma si esprime attraverso la musica e, in maniera meno evidente, con il ballo. Non a caso, il declino del musicarello coincide con i grandi movimenti giovanili transnazionali e con le manifestazioni plateali di piazza: la bolla del boom, caratterizzata da spensieratezza e gioia, scoppia dinanzi a pressioni sociali concrete e anche la musica abbandona parzialmente le atmosfere disincantate del periodo precedente, abbracciando tematiche più articolate, mutuando dal panorama francese la figura dello chansonnier e da quello statunitense quella del folk singer impegnato anche politicamente.

 

Efisio Mulas

Nato a Roma, diplomato al laboratorio di esercitazioni sceniche diretto da Luigi Proietti, come attore ha esperienze in tutti i campi dello spettacolo (teatro, cinema, radio, televisione, doppiaggio), ha collaborato come selezionatore ad alcune edizioni del RomaFictionFest, è stato autore e conduttore radiofonico per Rai international, attualmente oltre alla consueta attività di attore è uno dei conduttori e autori del programma radiofonico di radio Rai3 Hollywood Party, il 6 agosto di quest’anno presenterà al festival di Locarno, la sua prima regia, un documentario dal titolo A qualcuno piacerà realizzato a quattro mani con Caterina Taricano, sulla figura dell’attore Elio Pandolfi.

Steve Della Casa

Nato a Torino.  È uno dei fondatori del Torino Film Festival, di cui ha ricoperto la carica di direttore dal 1999 al 2002. Dal 1994 conduce Hollywood Party, programma radiofonico di Radio3, e dal 2004 al 2006 il contenitore notturno La 25a ora – Il cinema espanso su LA7. Dal 2008 è direttore artistico del Roma Fiction Fest. Autore di numerosi saggi e volumi cinematografici, ha curato le retrospettive La commedia italiana al Festival Internazionale di Cinema di San Sebastian (1998) e Capitani coraggiosi.

Le province…