Peppe Consolmagno – Attraverso Festival
192
page-template-default,page,page-id-192,page-child,parent-pageid-61,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Peppe Consolmagno

Workshop di improvvisazione agli Alunni del Conservatorio A. Vivaldi di Alessandria

Quando:

3 settembre 2016, ore 18.30

Dove:

LERMA, Ricetto del Castello

Nato a Rimini nel 1958, Peppe Consolmagno, voce, percussioni, live sample, utilizza strumenti in gran parte autocostruiti con materiali recuperati nei suoi viaggi, come la zucca, il bambù, il legno e il metallo.

La rocca di Lerma sovrasta la valle del fiume Piota in una posizione strategica al centro di un’importante strada di comunicazione tra la Liguria e la pianura padana. Su questa rocca venne fortificato il primo nucleo del villaggio di origine medioevale che, grazie alla sua posizione dominante rendeva il borgo quasi inespugnabile. Attraverso una porta ad arco, un tempo sede di un ponte levatoio, si può entrare nella piazza, sulla quale si affaccia il castello e il suo ricetto.

La sera del 3 settembre, nel ricetto del Castello di Lerma, Peppe Consolmagno e un nucleo di studenti del Conservatorio A. Vivaldi di Alessandria propongono al pubblico l’esito di un Workshop di improvvisazione che Consolmagno ha tenuto nel pomeriggio.
Peppe Consolmagno

Nato a Rimini nel 1958, Peppe Consolmagno, voce, percussioni, live sample, utilizza strumenti in gran parte autocostruiti con materiali recuperati nei suoi viaggi, come la zucca, il bambù, il legno e il metallo.

La sua musica si esprime attraverso strumenti che appartengono a culture extraeuropee, come Brasile, sua principale fonte di ispirazione, Africa e Asia, ma che hanno un linguaggio in comune. Il gong birmano, la conchiglia, le tazze da meditazione, i vasi africani, i flauti ad una nota pigmei, i tamburi ad acqua ed il berimbau, uniti alla voce ed allo stretto rapporto intimistico con essi, che egli ha, creano una dimensione unica dove prevalgono il suono naturale, il silenzio, il timbro ed il ritmo.

Consolmagno, che ha già al suo attivo partecipazioni da protagonista a festival internazionali, ha un’intensa attività di ricerca musicologica, che lo porta a tenere seminari e workshop sulla musica extraeuropea e sulla costruzione degli strumenti a percussione.

Le province…