Marangolo e Consolmagno – Attraverso Festival
197
page-template-default,page,page-id-197,page-child,parent-pageid-61,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Marangolo e Consolmagno

“A due voci”, 31 arie consonanti per saxofono e percussioni ad libitum

Quando:

4 settembre 2016, ore 21

Dove:

ROCCA GRIMALDA, castello

L’evento è organizzato in collaborazione con Vendemmia Jazz

Dalle ore 19 degustazione a cura della Pro Loco di Rocca Grimalda

A due voci è un progetto di Mirco Marchelli che unisce, come sempre più spesso accade nei lavori dell’artista e musicista piemontese – meglio, Ovadese – arte visiva e musica.

Marchelli, infatti, ha realizzato un’aria, 30 opere e 30 variazioni musicali, quante sono le variazioni Goldberg di Johann Sebastian Bach, l’opera per clavicembalo composta dal compositore tedesco fra il 1741 e il 1745, consistente in un’aria con trenta variazioni. In questi lavori Marchelli ha messo in opera varie azioni riprendendo i temi da lui trattati in questi anni: il recupero degli oggetti, delle foto, l’uso del plexi per prendere le distanze dagli oggetti stessi, l’uso del bianco e nero iniziale, il disegno e l’avvento del colore, nella sua evoluzione.

Le arie musicali, scritte da Marchelli proprio a partire dalle 30 variazioni di Bach, sono parte integrante delle opere e prevedono anch’esse un gioco a due voci: saxofono e percussioni ad libitum, interpretate da due raffinati musicisti: Antonio Marangolo al saxofono e Beppe Consolmagno alle percussioni.

Il progetto è stato edito come catalogo d’arte associato ad un cd con le musiche. Un testo di Paolo Bolpagni sul lavoro di Marchelli e un saggio del critico musicale Sandro Cappelletto sulle variazioni Goldberg in riferimento all’utilizzo che ne ha fatto l’artista, completano il volume.

Mirco Marchelli, nato a Novi Ligure nel 1963, vive e lavora a Ovada (AL). Ha esposto in numerose città italiane e straniere (Verona, Genova, Venezia, Regensburg, Amburgo, Barcellona), le sue opere sono presentate con regolarità nelle più importanti fiere d’arte internazionali, nel 2011 ha partecipato alla 54° Biennale di Venezia, nel 2013 ha esposto a Venezia, a Palazzo Fortuny, la personale Scena Muta per Nuvole Basse.

Le province…