Kocani Orchestar e Bandakadabra – Attraverso Festival
178
page-template-default,page,page-id-178,page-child,parent-pageid-61,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,side_area_uncovered_from_content,transparent_content,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.4.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Kocani Orchestar e Bandakadabra

Quando:

27 agosto 2016, ore 21

Dove:

OVADA, piazza dell’Assunta

Ovada in festa

Dalla sera stand enogastronomici a cura della Confraternita di S. Giovanni Battista

A Kocani, piccola città della Macedonia a pochi chilometri dal confine con la Bulgaria, batte il cuore musicale dei Balcani.

Merito della Kocani Orkestar, “brass-band” di sette virtuosisti degli ottoni, che produce suoni chiassosi, ipnotici e un po’ alticci, tra randellate di basso tuba e impennate di tromba. “E’ pura tradizione orale – racconta il “capobanda” Nat Veliov -. Le melodie vengono trasmesse di padre in figlio; qualche volta le prendo dalla strada e le riarrangio a modo mio”.

Trombe, tube, clarinetto, sassofono, fisarmonica, percussioni e strumenti tradizionali come la “zourna”, una specie di oboe, e il “tapan”, un tamburo bipelle, tanto basta a dar vita alla travolgente girandola di timbri, accenti e colori, che anima il repertorio dell’Orkestar in cui l’eredità delle fanfare dei giannizzeri e dell’esercito ottomano, aggiornata dalle bande gitane, si mescola con i ritmi della tradizione bulgara, turca, rumena, macedone e serba ma non mancano contaminazioni con moderne rumbe e stilemi jazz.

Le province…